Scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi di più: info 2x1000


Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

Holodomor: ottima mozione del Senato. Ora massimo sostegno a Ucraina contro tentativo di genocidio in atto


“Ieri il Senato della Repubblica ha votato a larghissima maggioranza una mozione che riconosce l’Holodomor come genocidio del popolo ucraino. Un atto simbolico per dare giustizia non penale ma storica ai milioni di morti per fame deliberatamente provocata da Stalin nel 1932-1933.

Un atto che certifica una realtà storica e che da oltre un anno chiedevamo con il nostro appello online. È un ottimo risultato di cui ci sentiamo parte in quanto lo scorso aprile durante la nostra missione a Kyiv abbiamo ribadito il nostro impegno in questo senso sia al ministero degli Esteri ucraino che a ricercatori universitari ucraini”, così in una nota Massimiliano Iervolino, Giulia Crivellini, Igor Boni, segretario, tesoriera, presidente di Radicali Italiani e Oles Horodetskyy, presidente dell’Associazione Cristiana degli Ucraini in Italia e membro del Comitato di RI.

“La lettera con cui l’ambasciata russa aveva provato a dissuadere i senatori è servita solo ad accelerare l’iter del provvedimento. ‘Complimenti’ davvero all’ambasciatore (e purtroppo ancora medagliato come commendatore della Repubblica Italiana) Alexey Paramonov!

Un grazie a tutti i senatori che hanno votato il documento. Radicali Italiani si batte dal 24 febbraio 2022 non solo per il riconoscimento storico/politico dell’Holodomor ma anche e soprattutto contro il tentativo di genocidio del popolo ucraino, portato avanti qui ed ora, ogni giorno, da Vladimir Putin. Per fortuna il popolo ucraino non è più solo e indifeso come 90 anni fa contro i criminali di Mosca.

Occorre aumentare il sostegno a Kyiv, occorre aumentare il sostegno alla Corte Penale Internazionale dell’Aja per il perseguimento di tutti i crimini russi in Ucraina. Per questo, sottolineiamo un’altra buona notizia: l’amministrazione USA intende condividere le prove acquisite dalla sua intelligence sui crimini russi in Ucraina con la Corte Penale Internazionale dell’Aja”, concludono.