Scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi di più: info 2x1000


Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

ISCRIVITI ORA A RADICALI ITALIANI

Con Radicali italiani puoi lottare per ciò in cui credi e diventare parte attiva dell’unica realtà politica che ha sempre promosso libertà e diritti. 

Notizie e comunicati

Leggi tutti i comunicati >

Risposta del Segretario Massimiliano Iervolino all’articolo di Galli della Loggia

Caro Galli della Loggia, il suo editoriale «Gli italiani e la “pace”. I silenzi sui crimini di Mosca» tocca un punto nevralgico, quanto l’Italia sia “tiepida” rispetto ai crimini atroci che[…]

Read more

Aborto: sentenza choc della Corte Suprema dimostra che diritti vanno costantemente difesi

“I diritti che sembrano acquisiti possono essere sottratti alle persone da un momento all’altro. Lo dimostra la decisione della Corte suprema che ha ribaltato la storica sentenza Roe Vs Wade,[…]

Read more

Rinnovabili: senza decreto Mite su aree idonee non si parte

Le Regioni sono destinate ad avere un ruolo centrale nello sviluppo delle rinnovabili. Ma senza il decreto ministeriale per l’individuazione delle aree idonee la corsa contro la dipendenza da gas[…]

Read more

SCEGLI DI ESSERCI

Dal 2001 migliaia di persone hanno sostenuto le nostre battaglie radicali con la loro iscrizione o con una donazione.
Da oggi puoi scegliere di destinare il tuo 2×1000 a Radicali Italiani: è un nuovo modo che hai per sostenere Radicali Italiani e non ti costa nulla.

SCOPRI DI PIÙ >


#UnaSceltaRadicale
LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI

Per una transizione ecologica sostenibile, il momento è ora. Con una scelta radicale.

PROPOSTE RADICALI PER LA LEGALIZZAZIONE

È ora di piantarla con l’ipocrisia. Legalizzare la cannabis significa mettere fine agli affari delle mafie, significa riconoscere ai cittadini la libertà di consumare in modo più sicuro e responsabile, la libertà di curarsi o di intraprendere un’attività economica nella piena legalità.

BASTA MERDA IN MARE

In Italia un terzo degli scarichi urbani e industriali va a finire direttamente nei fiumi o nel mare senza alcuna depurazione. Oltre all’inquinamento immane queste irregolarità sono costate agli ignari cittadini italiani già 124 milioni di euro di sanzioni.