Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

XX Congresso di Radicali Italiani

ISCRIVITI ORA A RADICALI ITALIANI

Con Radicali italiani puoi lottare per ciò in cui credi e diventare parte attiva dell’unica realtà politica che ha sempre promosso libertà e diritti. 

Notizie e comunicati

Leggi tutti i comunicati >

Russia: lettera aperta a Di Maio, ora più che mai revochi onorificenze a uomini di Putin

“L’Italia è l’unico Paese al mondo che conferisce onorificenze a esponenti del regime di Putin, per questo abbiamo scritto al presidente Mattarella e al ministro Di Maio affinché vengano revocate”, lo affermano[…]

Read more

Quirinale: accordi su proporzionale genererà instabilità per qualsiasi Presidente eletto

“Un regime proporzionale porta sempre con sé instabilità e va a intaccare l’autorevolezza e la forza del prossimo presidente della Repubblica, chiunque esso sia. Unico argine il maggioritario”, lo dichiara[…]

Read more

Russia: banchiere premiato da Italia è sanzionato da Usa e Canada. Mattarella revochi onorificenza

“Uno dei quattro esponenti del regime di Putin premiati da Mattarella e Di Maio è sottoposto a sanzioni da USA e Canada. Prima della scadenza del suo mandato Mattarella revochi[…]

Read more

SCEGLI DI ESSERCI

Dal 2001 migliaia di persone hanno sostenuto le nostre battaglie radicali con la loro iscrizione o con una donazioni.
Da oggi puoi scegliere di destinare il tuo 2×1000 a Radicali Italiani: è un nuovo modo che hai per sostenere Radicali Italiani e non ti costa nulla.

SCOPRI DI PIÙ >

VI ABBIAMO VISTO

La situazione in Afghanistan è precipitata in una autentica tragedia umanitaria. Rivolgiamo un appello al governo italiano per incentivare il rilascio di visti per motivi di studio e salvare la vita a tante studentesse afghane, nonché per aprire ogni possibile corridoio umanitario.

PROPOSTE RADICALI PER LA LEGALIZZAZIONE

È ora di piantarla con l’ipocrisia. Legalizzare la cannabis significa mettere fine agli affari delle mafie, significa riconoscere ai cittadini la libertà di consumare in modo più sicuro e responsabile, la libertà di curarsi o di intraprendere un’attività economica nella piena legalità.

BASTA MERDA IN MARE

In Italia un terzo degli scarichi urbani e industriali va a finire direttamente nei fiumi o nel mare senza alcuna depurazione. Oltre all’inquinamento immane queste irregolarità sono costate agli ignari cittadini italiani già 124 milioni di euro di sanzioni.