Scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi di più: info 2x1000


Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

Ucraina: viaggio Di Maio in Russia non produce risultati

17 Febbraio 2022

“Come era prevedibile, il viaggio a Mosca del ministro Di Maio non ha prodotto alcun risultato tangibile. Di Maio non ha richiesto alla controparte russa rassicurazioni e prove tangibili del ritiro dei soldati di Mosca dalle frontiere con l’Ucraina”, lo dichiarano in una nota Massimiliano IervolinoIgor Boni, segretario e presidente di Radicali Italiani e Giulio Manfredi dell’associazione radicale Adelaide Aglietta

“Le informazioni e le immagini diffuse dalle fonti osint (open source intelligence) testimoniano che l’asserito ritiro russo non è affatto in corso, anzi molte unità di Mosca si sono avvicinate ancora di più al confine ucraino. Di Maio non ha neppure richiesto al suo omologo Lavrov rassicurazioni sulla situazione nel Donbass, a maggior ragione dopo l’attacco a colpi di mortaio contro un asilo in territorio ucraino attuato dai separatisti filorussi. C’è un particolare illuminante: i secessionisti del Donbass accusano di ‘terrorismo’ l’Ucraina proprio come i separatisti filonazisti dei Sudeti, aizzati da Hitler e Goebbels, accusavano di “terrorismo” la Cecoslovacchia nel 1938.

Di fronte a tutto questo, abbiamo un ministro degli Esteri italiano che da quando è entrato alla Farnesina nel settembre 2019 ha fatto conferire dal presidente Mattarella onorificenze della Repubblica a ventidue esponenti del regime di Putin. E che si guarda bene di rispondere alla formale richiesta di Radicali Italiani, inviata in due riprese sia alla Farnesina sia al Quirinale, di revoca di tali onorificenze”, concludono.

----

Se condividi le nostre lotte sostienile con il 2X1000, scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi come: info 2x1000