fbpx
Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

Torino: Igor Boni chiude la campagna nella zona dello spaccio del Valentino con Massimiliano Iervolino e Michele Usuelli

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Torino: Igor Boni chiude la campagna nella zona dello spaccio del Valentino con Massimiliano Iervolino e Michele Usuelli

11 Giugno 2021 @ 11:00 12:30

“Il Manifesto delle città democratiche e antiproibizioniste per conquistare trasparenza, partecipazione, ripresa economica e più sicurezza”

Si chiude venerdì 11, alle 12:30 con una conferenza stampa all’aperto, sulla collinetta dello spaccio del Valentino all’angolo tra C.so Vittorio e C.so Massimo D’Azeglio, la cavalcata verso le primarie di Igor Boni, iniziata il 20 giugno 2020, quasi un anno fa.
Una scelta significativa, quella del luogo dell’evento conclusivo, per indicare come le scelte antiproibizioniste e la legalizzazione della Cannabis debbano essere priorità proprio per le città, che vivono sulla pelle dei loro cittadini i danni del mercato proibito che alimenta spaccio e foraggia con fiumi di denaro mafie e organizzazioni criminali.

Interverranno alla conferenza stampa:
Igor Boni, candidato alle primarie del centrosinistra del 12 e 13 giugno
Massimiliano Iervolino, Segretario nazionale di Radicali Italiani
Michele Usuelli, tesoriere nazionale di +Europa e consigliere regionale in Lombardia

Saranno presenti tra gli altri Silvja Manzi, Patrizia De Grazia, Barbara Bonvicini e Silvio Viale (Direzione nazionale di Radicali Italiani), Daniele Degiorgis e Giulio Manfredi (Associazione radicale AdelaIde Aglietta). 

Durante l’appuntamento pubblico sarà presentato il “Manifesto delle città democratiche e antiproibizioniste” Manifesto per le città democratiche e antiproibizioniste (radicali.it) e sarà illustrata la proposta del “Sindaco della notte” come strumento di mediazione già utilizzato in altre realtà europee per conquistare una pacifica convivenza tra le attività notturne e i diritti di chi vive nelle aree della cosiddetta Movida.