Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

Hic et Nunc

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Hic et Nunc

11 Dicembre 2021 @ 10:30 18:30

Convention sul futuro del pianeta.

È possibile registrarsi QUI

CHI

  • Massimiliano Iervolino, segretario di Radicali Italiani
  • Sabrina Alfonsi, assessora all’ambiente del Comune di Roma per un saluto istituzionale
  • Marco Bentivogli, coordinatore nazionale Base Italia
  • Francesco Rutelli
  • Roberto Cingolani, ministro della Transizione Ecologica
  • Enrico Letta, segretario del Partito Democratico
  • Emma Bonino, senatrice
  • Rossella Muroni, deputata FacciamoEco
  • Angelo Bonelli, co-portavoce nazionale di Europa Verde
  • Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile
  • contributo video del professore Romano Prodi
  • Nicola Granato, presidente dell’associazione Controcorrente – per il Sarno che verrà
  • Riccardo Magi, deputato +Europa/Radicali
  • Monica Frassoni, presidente European Alliance to save Energy e già europarlamentare
  • Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente
  • Roberta Lombardi, assessore alla transizione ecologica e digitale della regione Lazio
  • Veronica Dini, avvocato ambientale
  • Lorenzo Lipparini, già assessore alla partecipazione del comune di Milano
  • Daniela Patti, direttrice Eutropian
  • Luca Iacoboni, responsabile energia e clima Greenpeace Italia
  • Eva Vittoria Cammerino, consigliera V municipio Roma Capitale
  • Vittorio Alvino, presidente Fondazione openpolis
  • Igor Boni, presidente di Radicali Italiani

COSA
Convention sulla transizione ecologica: nuove idee e nuove alleanze per la rivoluzione verde che ci aspetta.

DOVE
Sala palatina, Eurostars Roma Aeterna, piazza del Pigneto 9a e via Casilina 125, Roma

QUANDO
Sabato 11 dicembre dalle 10.30 alle 18.30

PERCHÉ
Perché il pianeta si trova di fronte a una sfida ambientale dove noi possiamo essere i migliori alleati o i peggiori nemici di noi stessi. Perché c’è bisogno di superare gli steccati ideologici e trovare un luogo dove discutere tutti insieme di ambiente, di riscaldamento globale e dell’elevato debito ecologico che attanaglia il nostro Paese. Perchè gli impatti climatici colpiscono settori economici come il turismo, le infrastrutture e l’agricoltura, con miliardi di euro di danni diretti ed indiretti che, a partire dal prossimo decennio, potrebbero produrre uno shock alla nostra già debolissima economia. Perchè ci vogliono politiche di prevenzione e di adattamento e ci vogliono… hic et nunc!