Scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi di più: info 2x1000


Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

L’appello della Comunità dei Russi Liberi contro Putin


Manifestazione della Comunità dei russi liberi a Torino

Pubblichiamo di seguito l’appello della Comunità dei Russi liberi.

Gentili signore e signori,

ci rivolgiamo a voi con profonda preoccupazione per le prossime “elezioni” del Presidente della Federazione Russa nel marzo 2024, nel contesto degli eventi interni alla Russia e della sua politica aggressiva ed espansionistica nei confronti dell’Ucraina e di molti altri Paesi.

Le ragioni principali per cui il Presidente russo in carica, Vladimir Putin, non dovrebbe essere riconosciuto come legittimo dopo le prossime elezioni del 2024 sono illustrate nella Risoluzione n. 2519 dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa del 13 ottobre 2023 e in un rapporto speciale all’interno di questa risoluzione della Commissione per gli Affari legali e i Diritti umani del relatore Pieter Omtzigt (Paesi Bassi), n. 15827 del 22 settembre 2023.

Attiriamo la vostra attenzione sui seguenti fatti che possono contribuire al riconoscimento di Vladimir Putin come illegittimo dopo la sua rielezione nel 2024:

– Usurpazione del potere e pressioni su qualsiasi oppositore politico, comprese repressioni e punizioni fisiche; assenza o limitazione della libertà dei media;

– Adozione di una serie di leggi palesemente illegali che ignorano apertamente i principi giuridici fondamentali, i valori democratici e lo stato di diritto;

– Svolgimento di elezioni nei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina indipendente;

– La guerra in Ucraina, i crimini di guerra per i quali Vladimir Putin è ricercato a livello internazionale in base a un ordine emesso dalla Corte penale internazionale.

Particolare attenzione va prestata alle circostanze relative allo stato del sistema elettorale russo e alla non conformità delle elezioni russe con i principi del suffragio universale, uguale, libero, segreto e diretto, formulati dalla Commissione di Venezia.

Riassumendo il nostro appello, vi chiediamo di prestare attenzione a questa ampia questione e di prendere le misure necessarie per:

1) Attuare ed eseguire la risoluzione della PACE.

2) Riconoscere come illegittima la “reimpostazione” dei termini presidenziali da parte di V. Putin, effettuata modificando la Costituzione russa.

3) Nel caso in cui Putin venga rieletto Presidente della Russia per un nuovo mandato, vi invitiamo a riconoscere il suo status di Presidente della Federazione Russa come illegittimo a livello nazionale e internazionale e ad astenervi dall’impegnarvi con le autorità russe.

Questi passi saranno una potente leva contro il regime di Putin per porre fine alla guerra in Ucraina e permetteranno anche di ritenerlo responsabile secondo il diritto internazionale per i crimini di guerra commessi.

Cordiali saluti, Comunità dei Russi Liberi