Scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi di più: info 2x1000


Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

Ucraina: Russia diserta prima udienza ma lavoro Corte Penale Internazionale va sostenuto da mobilitazione

7 Marzo 2022

“In Ucraina c’è un’emergenza politica e umanitaria ma c’è anche un’emergenza di giustizia internazionale. Su questo diamo atto alla Corte Penale Internazionale di essersi mossa con sollecitudine, come richiesto dal contesto. L’assenza della Russia dalla prima riunione di oggi, però, era scontata”, così in una nota Massimiliano IervolinoGiulia CrivelliniIgor Boni, segretario, tesoriera e presidente di Radicali Italiani Giulio Manfredi dell’associazione radicale Adelaide Aglietta.

“Peraltro, la Russia non ha mai ratificato lo Statuto della CPI. Anche l’Ucraina, pur avendo firmato lo Statuto di Roma nel 2000, non l’ha mai ratificato anche se in seguito ha attivato la giurisdizione della Corte dell’Aja tramite una procedura speciale prevista dallo Statuto, accettando la giurisdizione della Corte dal 20 febbraio 2014, senza alcun termine temporale.

Come ai tempi dell’incriminazione di Slobodan Milosevic all’Aja, siamo fermamente convinti che il lavoro dei tecnici del diritto debba essere sostenuto e rafforzato dalla mobilitazione dell’opinione pubblica europea.

È per questo che Radicali Italiani ha lanciato un appello online per l’incriminazione di Vladimir Putin all’Aja.

Sollecitiamo tutti i cittadini a firmare e a farlo firmare ma ci rivolgiamo anche alle altre forze politiche, al PD di Enrico Letta innanzitutto, perché aderiscano all’iniziativa”, concludono.

----

Se condividi le nostre lotte sostienile con il 2X1000, scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi come: info 2x1000