Scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi di più: info 2x1000


Via Angelo Bargoni 32/36 00153 Roma
+39 06 87763 051 / +39 06 87763 053
info@radicali.it

Ucraina: Draghi convochi urgentemente Salvini per chiarimenti sul suo sedicente piano di pace

30 Maggio 2022

Mattarella revochi tutte le onorificenze concesse ai russi

“Le interviste concesse oggi a vari giornali dall’avvocato Antonio Capuano, consulente di diverse ambasciate fra cui quella russa, svelano uno scenario tanto inquietante quanto inammissibile”, così in una nota Massimiliano IervolinoIgor Boni Giulio Manfredi, segretario, presidente e membro di giunta di Radicali Italiani.

“Matteo Salvini, con l’assistenza di Capuano, stava lavorando da settimane a un sedicente ‘piano di pace’, con contatti sia con l’ambasciata russa in Italia sia con esponenti russi a Mosca, senza avere minimamente informato della sua iniziativa né il premier Draghi né il ministro degli Esteri Di Mario né il ministro della Difesa Guerini. Si comprende ora perché Salvini non abbia mai revocato ufficialmente l’accordo di collaborazione fra la Lega e Russia Unita, il partito di Putin, siglato a Mosca nel 2017. Tanto è vero che Sergey Markov, attuale direttore dell’Istituto di Ricerche Politiche a Mosca, oggi dichiara candidamente: ‘Esiste una possibilità che (Salvini) venga ricevuto da Putin. In fondo, è il capo di un partito alleato di quello del presidente, Russia Unita …’.

Chiediamo al premier Draghi di convocare urgentemente Matteo Salvini per chiarimenti sulla sua iniziativa che intacca gravemente la compattezza del governo italiano e rappresenta platealmente la prova che l’Italia è ancora il ventre molle dell’Unione Europea, in cui gli uomini di Putin possono trovare complicità, connivenze, alleanze.

A maggior ragione ora, diventa estremamente importante che le istituzioni reagiscano ai tentativi russi di inquinamento con atti anche simbolici ma comunque significativi: dopo averlo chiesto formalmente il 29 marzo scorso, con nota inviata sia al Quirinale sia alla Farnesina, rinnoviamo la richiesta al presidente Mattarella di revocare tutte (dopo le quattro revoche del 9 maggio, ne restano ancora 25) onorificenze della Repubblica Italiana concesse dal 2014 ad esponenti del regime di Putin; e di farlo entro il 2 giugno, festa della Repubblica. 

È quanto chiede anche la Mozione Generale approvata ieri dal Comitato nazionale di Radicali italiani, che, tra l’altro, ha rilanciato l’appello ‘Putin all’Aja‘, per sostenere l’incriminazione di Vladimir Putin alla Corte Penale Internazionale dell’Aja, per crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi dagli occupanti russi in Ucraina”, concludono.

----

Se condividi le nostre lotte sostienile con il 2X1000, scrivi S47 nella dichiarazione dei redditi.

Leggi come: info 2x1000