Cosentino, Turco: è l’Italia un territorio complesso, essendo quello di uno stato criminale. Contesto in cui è notevole il contributo all’illegalità che ne danno criminalità comune e politica

Giustizia

I radicali voteranno, come han sempre fatto, senza passamontagna. 

A chi mette in dubbio la tenuta del processo e per questo ne chiede l’arresto va detto che il processo deve ed andrà avanti, il parlamento non può impedirlo. 

È necessaria una anagrafe pubblica dei prescritti. 

Dichiarazione di Maurizio Turco, deputato Radicale: 

Abbiamo già dimostrato e ridimostrato nel corso dei decenni che non inseguiamo le convenienze ma le convinzioni, a costo, come è prevedibile e previsto, di mettere in pericolo diritti e legittimi interessi.

Ogni qualvolta la Giunta delle autorizzazioni è stata chiamata ad esprimere un giudizio l’ho fatto consapevole di rappresentare una storia ed un coscienza che si incarna nella storia radicale, quindi con un supplemento di prudenza e di rigore nei confronti non solo dei miei compagni ma di tutti i cittadini.

Non ho mai assunto una posizione garantista: sono innanzitutto un legalista, credo nel diritto e nella legge e se ritengo la legge sbagliata lotto per cambiarla e non la disapplico. In particolar modo se ho il potere di farlo per qualcuno e non per tutti.

Rispetto alle riflessioni in corso è doveroso dirsi che siamo tutti cittadini di un territorio molto complesso, l’Italia, in cui uno Stato criminale – come risulta dalla lettura delle condanne della Corte europea dei diritti dell’Uomo e le risoluzioni del Consiglio dei Ministri del Consiglio d’Europa – sa delle proprie violazioni ma non le vuole riconoscere e quindi rientrare nella propria legalità. E’ fuori dubbio che in questo contesto è notevole il contributo all’illegalità che ne danno criminalità comune e politica.

E’ anche doveroso dirsi che quale che sia il voto dell’Aula, dove voteremo come sempre senza passamontagna e preannunciando il nostro voto, anche se dovesse prevalere il diniego all’arresto, non saranno per questo posti alla magistratura vincoli di tipo politico perché proceda e vada sino in fondo. Nel qual caso non esiteremo a denunciarli. Riteniamo infatti che ANCHE QUESTO processo debba essere fatto e non debba finire in prescrizione. E sarebbe bene che, non solo per la Campania, siano resi pubblici gli elenchi dei processi, dei reati, delle persone, delle aziende prescritte. Per fare un albo dei cattivi? No, per rendere omaggio allo Stato criminale.

 

© 2012 Partito Radicale. Tutti i diritti riservati



SEGUICI
SU
FACEBOOK

Sostieni le nostre iniziative con almeno 1 € - Inserisci l'importo » €

Nota sui commenti: i commenti lasciati dagli utenti del sito non vengono ne' censurati ne' verificati in base al contenuto. I commenti con link non vengono pubblicati. Per i commenti si utilizza la piattaforma Diqsus che memorizza sui suoi server tutti i dati degli utenti, compreso l'indirizzo IP in caso di eventuali segnalazioni per abusi o violazioni di legge. Tutti possono lasciare commenti, quindi non c'e' alcuna verifica sull'appartenenza degli utenti al partito o al movimento Radicale.